GENERALE

Conferenza stampa Ministro dell’Istruzione – Riassunto

In conferenza stampa, la ministra dell’Istruzione Azzolina ha messo in chiaro il contenuto delle due ordinanze prodotte dal Ministero e dal Comitato Tecnico Scientifico.
Sono risultati i seguenti punti:

  • Esame di maturità in presenza
  • Il ritardo nella pubblicazione delle ordinanze è dovuta alla complessità degli atti che necessitavano dunque di tempo per essere scritti
  • Il ministero e la scuola si impegnano per non lasciare indietro nessuno
  • Valutazione seria
  • Si potrà bocciare ma sono in casi molto circoscritti e che non abbiano a che fare con la questione coronavirus. Esempio: Se lo studente non ha frequentato nel primo periodo o se ha ricevuto provvedimenti disciplinari gravi, ma solo e solamente con unanimità del consiglio di classe. Tutti gli altri studenti saranno ammessi.

Più nel dettaglio:
Gli esami del secondo ciclo saranno così strutturati:

  • Colloquio orale in presenza:
  1. Discussione elaborato su discipline di indirizzo concordato con docenti
  2. Testo di letteratura italiana già oggetto di studio
  3. Analisi del materiale scelto dalla commissione per favorire la trattazione delle altre discipline
  4. Esposizione del percorso PCTO
  5. Esposizione argomento di cittadinanza e costituzione. La ministra invita gli studenti, anche se questa parte non viene scritta nell’ordinanza, a parlare del Covid-19 in questa parte in quanto strettamente collegato.
  • Commissari tutti interni
  • Massimo crediti: 60 ; Prova orale: 40

Motivazioni circa l’esame in presenza:

  • Importante, di passaggio
  • Perché è uno stato di passaggio verso vita più adulta, da vivere con serenità

Si richiede comunque massimo senso della responsabilità per costruire il proprio futuro in un’Italia che ha ancora più bisogno degli studenti.

La ministra inoltre ringrazia tutto il personale scolastico.

Per quanto riguarda le misure igieniche:

  • Già stipulata una convenzione con croce rossa per aiuti durante gli esami e scuola a settembre
  • Già stipulata un’analisi dei rischi durante tutto il tragitto, all’interno della quale il CTS e la Croce rossa hanno dato indicazioni per “accompagnare” gli studenti da casa a scuola
  • Uso della mascherina obbligatorio per tutto il tragitto da casa a scuola e all’interno dei locali con possibilità di abbassare la mascherina durante l’esame se lo studente rimane seduto e a distanza.
  • Sono stati immaginati dei percorsi che prevedano uscite ed entrate diversificate ove possibile per evitare incontri di persone e evitare assembramenti
  • Si ipotizza la presenza di dispencer di igienizzante per mani in tutte le aule
  • Gli studenti dovranno arrivare pochi minuti prima dell’orario stabilito per il proprio colloquio orale per non creare assembramenti
  • Distanziamento di sicurezza di almeno due metri per avere tutte le garanzie contro la contaminazione
  • Non si potrà sostare davanti ai locali della scuola per festeggiare come di consuetudine né per altri motivi

Inoltre:

  • Verrà stipulato un protocollo di sicurezza per il rientro a settembre.
  • Non vi sono certezza circa il rientro a settembre. Verrà scritto un documento tecnico con diverse ipotesi, tra le quali scegliere una volta chiaro lo scenario epidemiologico di Settembre
  • Se fosse necessario il ministero metterà mano anche alle indicazioni nazionali di programma
  • Le Regioni stabiliranno la data di inizio del prossimo anno scolastico con il Ministero
  • I recuperi delle insufficienze potranno avvenire già dal 1 Settembre
  • I soldi stanziati per la scuola saranno impiegati anche nell’edilizia, approfittando del momento

Invitiamo gli studenti a consultare il sito del MIUR per leggere i testi delle ordinanze e avere ulteriori informazioni.

https://www.miur.gov.it/web/guest/-/scuola-pubblicate-le-ordinanze-su-esami-di-stato-e-valutazione-presentate-le-misure-di-sicurezza-per-la-maturita